Newsletter n. 3 AGE – “un vaccino per la vita”

Newsletter n. 3 AGE – “un vaccino per la vita”

AGe – Associazione Italiana Genitori Progetto “un vaccino per la vita

“Cara mamma, caro papà👉Che cos’è un vaccino Il vaccino è un preparato che stimola il sistema immunitario a produrre anticorpi, deputati a combattere i microrganismi causa di infezione. In pratica, quando ci vacciniamo, il nostro corpo reagisce come se stesse affrontando la malattia, senza tuttavia averla contratta. La vaccinazione lo rende cioè capace di riconoscere, attraverso lo sviluppo della memoria immunologica, l’agente estraneo contro cui il vaccino è diretto e di innescare una risposta immune molto più velocemente di quanto avverrebbe in risposta a una infezione naturale in una persona che non abbia precedentemente contratto la malattia. I vaccini hanno sconfitto malattie terribili, come il vaiolo e il tetano neonatale, e ne hanno reso rare molte altre, come la difterite e la polio. 👉Verità e falsi miti sui vaccini e le vaccinazioniI vaccini sono tra i più grandi successi di salute pubblica dei tempi moderni: hanno salvato e continuano a salvare milioni di vite in tutto il mondo. Il loro successo è tale che nei paesi industrializzati ad alto reddito, non si ha un’esperienza diretta delle devastanti conseguenze di molte delle malattie che prevengono. L’esitazione alle vaccinazioni è un grave problema di salute pubblica che porta a epidemie di infezioni trasmissibili (che sarebbero evitabili con le vaccinazioni) come ad esempio il morbillo. Le ragioni del rifiuto del vaccino sono complesse e diverse secondo il contesto geografico e culturale. La preoccupazione per la sicurezza del vaccino ne è la principale causa e la percezione del rischio è amplificata. Questa preoccupazione è alimentata dalla disinformazione propagata attraverso false informazioni diffuse da gruppi anti-vaccinisti (No Vax) soprattutto attraverso i social media. La ricchezza di dati scientifici a sostegno della sicurezza dei vaccini attualmente raccomandati, contrasta le false informazioni diffuse dai no-vax. 👉I vaccini contro Morbillo, Parotite e Rosolia (MPR) causano autismo? NODai numerosi studi effettuati non emerge alcuna correlazione tra il vaccino MPR e l’autismo. Lo studio che riportava il legame è stato dimostrato ingannevole e l’autore è stato radiato dall’albo dei medici del Regno Unito. 👉Le vaccinazioni da fare ai bambini sono troppe?NOI bambini ricevono il maggior numero di vaccinazioni durante il loro primo anno di vita in un momento in cui sono più vulnerabili alle conseguenze devastanti di infezioni batteriche invasive come la meningite da pneumococco, meningococco o Haemophilus influenza e. Il calendario delle vaccinazioni tiene conto dei tempi di diminuzione degli anticorpi materni e della maturazione del sistema immunitario del bambino, oltre che al periodo di maggiore rischio di contrarre la malattia.👉Molto meglio prendersi le malattie che vaccinarsi? NOAmmalarsi di malattie che sarebbero prevenibili con il vaccino impegna il sistema immunitario molto di più di quanto accade quando ci si sottopone alla vaccinazione3 Inoltre, contraendo la malattia si è esposti al rischio di complicanze che potrebbero richiedere ricovero ospedaliero mettendo a grave rischio la salute del bambino.👉I vaccini sono pieni di metalli e altre sostanze pericolose (come mercurio, alluminio, formaldeide)? NOI vaccini commercializzati in Europa non contengono, ormai da diversi anni, derivati del mercurio, di cui peraltro non è mai stata dimostrata la pericolosità nelle quantità e nelle forme contenute nei vaccini. Le quantità di formaldeide, alluminio e altre sostanze sono trascurabili e tali da non causare alcun danno alla salute.👉Ho fatto il vaccino antinfluenzale ma ho preso lo stesso l’influenza, quindi il vaccino non funziona?I vaccini per l’influenza stagionale hanno ampiamente dimostrato di proteggere contro l’infezione e la malattia causata dai virus influenzali seppure non al 100%. I vaccini antinfluenzali NON proteggono, invece, da malattie causate da altri virus che possono dare sintomi simili a quelli dell’influenza (cosiddette sindromi para-influenzali). Durante la stagione influenzale circolano, infatti, molti altri virus: rinovirus (causa del “raffreddore comune”), virus respiratori sinciziali (causa più frequente di sindrome respiratoria grave nella prima infanzia e importante causa di morte da patologia respiratoria nei soggetti dai 65 anni in poi ).

age travagliato

age travagliato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *